Libri, Letture e (L)ecensioni: La Gemella Silenziosa di S.K. TREMAYNE

Buon pomeriggio/sera Evernauti, finalmente ecco la recensione che tutti voi stavate aspettando e chiedendo a gran voce (dovevo pubblicarla il giorno di uscita, ma il pc mi abbandonò, e non mi andava di farla uscire nel weekend). 

“L’amore di un padre non è altrettanto importante. Non si può paragonare a quello di una madre, almeno quando si è più piccoli.”

12021861_10206339216551099_1955971809_n

Devo dirvelo fin da subito: QUESTO LIBRO E’ SPETTACOLARE! Mi ha lasciato un gran senso di angoscia, devo ammetterlo, ma tutto sommato ne è valsa la pena. Ora vi lascio la trama, e poi ne parliamo:

A Sarah piace il silenzio assoluto della sera che avvolge l’isola di Skye. Le piace muoversi piano nella penombra e accarezzare delicatamente i biondi capelli della sua bambina di sette anni, Kirstie, che si è appena addormentata. Mentre osserva le sue manine che stringono il cuscino, Sarah ripensa a quando quelle mani si stringevano a quelle, identiche, della sorella gemella Lydia. Niente le distingueva: stesse lentiggini, stessi occhi azzurro ghiaccio, stesso sorriso giocoso. Ma, un anno prima, Lydia è morta improvvisamente e ha lasciato un vuoto così grande che ha costretto Sarah e la sua famiglia a fuggire da tutto e da tutti su quell’isola spersa nel mare di Scozia. Lì, tra scogliere impervie e cieli immensi, Sarah sente che lei, la bambina e suo marito Angus potranno forse ritrovare la serenità. Eppure, mentre si avvicina l’inverno, Kirstie è sempre più strana. Diventa silenziosa, riflessiva, improvvisamente interessata a cose che prima non amava. Sempre più simile a Lydia, la gemella scomparsa. Quando un giorno si scatena una violenta tempesta, Sarah e Kirstie rimangono isolate. Nel buio, col solo mugghiare del vento ad ascoltarle, Kirstie alza gli occhi e sussurra: «Mamma, perché continui a chiamarmi Kirstie? Io sono Lydia. Kirstie è morta, non io». Sarah è devastata e il tarlo dell’errore comincia a torturarle l’anima. Cos’è successo davvero il giorno in cui una delle gemelle è morta? È possibile che una madre possa non riconoscere sua figlia?

La gemella silenziosa è uno di quei libri che mi ha affascinato fin da subito, fin dalla sua apparizione su internet, quando vidi la sua cover angosciosamente bella, la trama poi…mi stese! Una trama ricca di suspance, ricamata attorno alla storia di una famiglia distrutta dagli eventi, una famiglia costellata di disgrazie e dispiaceri. Ed è proprio da una disgrazia che nasce la nostra storia: Una mamma, due gemelle, un isoletta sperduta…UN MISTERO INQUIETANTE. Ma procediamo con calma.
Prima di tutto bisogna parlare di Sarah, protagonista indiscussa di questo libro: una donna distrutta e sfinita dagli eventi che hanno preceduto la storia raccolta nel romanzo, stravolta dalla perdita di una delle sue figlie, Lydia, la figlia adorata. Sarah è piuttosto debole caratterialmente, ma allo stesso tempo però possiede una volontà di ferro, che la spingerà (durante tutto il racconto) verso la verità. Sarah è una donna enigmatica e misteriosa, una moglie irata (non posso aggiungere nulla su questo aspetto), ma soprattutto una mamma pronta ad aiutare la figlia rimasta, pronta a riscattarsi. Nonostante cada nell’oblio dell’angoscia quando sua figlia Kristie le rivela di essere in realtà Lydia, lei riesce a rialzarsi subito, ad immergersi in una realtà (una vita che è la sua) che aveva sempre ignorato. Accanto a Sarah c’è Angus, il marito misterioso, perennemente irato nei confronti della moglie (ecco un mistero), un uomo che fin da subito non ho potuto fare a meno di odiare. Ad affiancare la coppia c’è Kristie/Lydia, la gemella sopravvissuta (mettetevi l’anima in pace, ce ne metterete di tempo per capire chi è in realtà), una ragazzina debole ed indifesa, affetta da problemi psicologici derivanti dalla morte della gemella, oltre che dalla situazione familiare nella quale è invischiata. Ella è una vera e propria vittima, soggetta ad un forte carico di stress psicologico ed emotivo, che la porta a cadere nella confusione più totale. La confusione e la disperazione la attanagliano, appannano la memoria, facendo così sparire l’identità. Scoprire l’identità della gemella rimasta diviene così il dubbio che accompagna il lettore fino alla fine del romanzo, una lettura costellata di scene da cardiopalma (vedi la scena con l’amichetta Emily…quella mi ha lasciato tanta angoscia, ma è senza dubbio una delle migliori) e momenti devastanti da condividere in compagnia della protagonista, e della sua famiglia. Infine, come ho accennato, la storia, oltre a seguire le vicende della famiglia Moorcroft, ci parla della bella quanto sperduta isola di Torran, un piccolo angolo di paradiso, che è allo stesso tempo un luogo agghiacciante e triste, un’isola circondata dalla nebbia e dal mare, che mi hanno ammaliato fin dalle prime descrizioni. Le immagini ed i paesaggi sono così vere, così vivide, che quando alla fine chiudi gli occhi, ti sembra di essere lì, circondato dalla gelida brezza scozzese, e dal rumore dei flutti.

Un mistero, due gemelle, e un finale incredibile, che rendono questo romanzo degno di nota, un romanzo da rileggere con gusto. Il romanzo che ha incantato me, e che certamente ci riuscirà anche con voi. Lasciatevi ammaliare dal mistero.


915F1GaPHiL._SL1500_

Titolo: La gemella silenziosa Data di pubblicazione: 10 settembre 2015 Casa editrice: Garzanti Editore Autrice: S.K. Tremayne Prezzo cartaceo: 16,90 € Pagine: 380

Ora è tempo di andare, ma vi consiglio vivamente di leggere questo libro, credetemi, non ve ne pentirete! See you soon! -Lewis!

Annunci

26 pensieri su “Libri, Letture e (L)ecensioni: La Gemella Silenziosa di S.K. TREMAYNE

  1. Bella recensione e libro che è già al sicuro sul comodino!
    Non è il primo che mi capita con l’idea delle due sorelle/una muore/crisi d’identità in quella rimasta, ma voglio vedere come è stata sviluppata stavolta 🙂

    Mi piace

  2. Sto ancora aspettando che mi arrivi.Per quei due euro in meno,Amazon mi sta facendo schiattare(crepare).
    Comunque,interessante recensione,mi affascinano le storie inspiegabili avvolte dal mistero,e quindi non vedo l’ora di leggerlo,Amazon permettendo!
    Mmm….mi sa che dovrò acquistare un flacone di lexotan! XD

    Mi piace

  3. Bellissima recensione Lewis! Non vedo l’ora che venga domani per correre a comprare la mia copia! Attendo con ansia la prossima recensione (qual’è?)

    Mi piace

  4. Lewis, e’ incredibile quanto le tue recensioni siano persuasive… non ero molto sicura di volerlo prendere, ma ora sara’ la prima cosa che faro’; ho gia’ seguito i tuoi consigli e sono sicura che non me ne pentiro’ neanche questa volta 😀

    Mi piace

  5. 😱😱😱ho provato un turbine di emozioni solo leggendo la tua splendida recensione … Credo che il libro ormai mi deluderà … Scherzo 😜
    Ma una domanda: secondo te è veramente adatto ad una madre di gemelli? Ho l’ansia .
    Quando erano piccoli i miei figli (5 anni) uno è stato ricoverato e l’altro mi ha chiesto: “… Siamo nati insieme, ma moriremo anche insieme?” …😶😶😶
    Ho risposto di no, cercando di tranquillizzarlo, ma poi in segreto ho pianto …

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...