A Tutto Manga: Amici fedeli {Il cane che guarda le stelle}

Ed ecco finalmente giunto il momento di parlare di questo dolcissimo, tenerissimo e strappalacrimissimo (ho appena coniato un nuovo termine oh u.u) manga! Ve l’ho presentato qualche settimana fa, e ho notato con piacere che siete stati in molti a spulciare il post e a chiedermi info su di esso. Ora posso finalmente parlarvene!

cane-guardava-stelle-jpop-standard-205x310 Nome: Il cane che guarda le stelle

Autore: Takashi Murakami

Casa editrice originale: Futabasha

Casa editrice italiana: J-Pop Edizioni

Numero volumi: Volume unico

Genere: Seinen – Slice of Life – Drammatico

IL MANGA

Ho letto questo favoloso manga in anteprima grazie alla J-POP e devo dire che è stato amore “alla prima copertina”. Quando ho visto online che sarebbe uscito (molto tempo fa) sapevo che questo piccolo gioiellino doveva essere mio! Nonostante ora l’abbia letto, io la Variant esclusiva per la Mondadori la voglio…E SARA’ MIA (Lewis VS le Mondadori di Naples).

LA TRAMA

Cane_che_guarda_DEF_800px

Il manga narra la storia, tenera e semplice, del cane Happy, e del suo “vecchio” padrone, che lui chiama amorevolmente Papà, e della loro avventurosa vita insieme. Una storia commovente in giro per il Giappone.

LE CONSIDERAZIONI

Lasciatevi incantare da una splendida storia di amicizia, da un forte legame cane/padrone, e da due protagonisti fantastici.
I disegni all’interno dell’albo si distinguono in due categorie: i personaggi, ed i fondali. I primi sono tratteggiati in maniera semplice, non posseggono doti eccezionali, eppure hanno qualcosa di nuovo, qualcosa di fluido nei movimenti, che li rende particolari, si potrebbe quasi pensare che il mangaka non vi sia impegnato abbastanza, eppure guardando poi i fondali, splendidi e dettagliati, tratteggiati in maniera precisa, si comprende appieno la volontà dell’autore. Questo è un manga che parla di amicizia, che parla di un viaggio, è chiaro che l’attenzione si rivolga quindi verso le scene che scorrono di fianco ai due protagonisti, e ai loro sentimenti, narrati attraverso la scrittura.
La scrittura è quindi la protagonista indiscussa dell’opera. Un manga del genere non ha nulla da invidiare ad una light novel, ad una graphic novel…ad un romanzo! La trama è eccezionale, ed i sentimenti dei protagonisti traspaiono in maniera impeccabile, e la maggior parte del merito va imputata alla dolcezza del narratore Happy. Grazie ad Happy, viviamo attraverso i suoi occhi, attraverso il suo silenzio, un’emozionante storia ricca di sentimenti, fatta di gioie, di dolori, ma soprattutto di alta fedeltà. Stavolta è grazie ad un cane, un essere che di per se proprio non si presta al ruolo del narratore (e che eppure in questo caso ci riesce alla grande), che riusciamo a scoprire la storia di un uomo, e non viceversa. Abbiamo stavolta un punto di vista particolare, perché il piccolo Happy vive ogni giorno una vita sommersa dai dubbi, volta alla riscoperta del mondo (e questo è un aspetto particolarissimo, e tanto tanto tenero), ed è proprio questo che lo rende un narratore unico, perché pur crescendo alcuni aspetti della vita umana rimangono per lui sempre un grande punto interrogativo. Ma quello che non può raccontarci Happy, lo scopriamo indirettamente dal papà, il quale fa da seconda voce (proprio come in un romanzo no?), offrendoci una prospettiva “aggiunta”.
Prima di essere narratori, cane e padrone sono protagonisti: Happy così tenero ed innocente, fedele più della stessa famiglia del “papà”, rimane alla fine della storia (ma direi già dalle prime pagine) un protagonista indimenticabile, un personaggio che riesce a trasmettere un’esplosione di sentimenti, pur essendo un animale privo della capacità di parlare. Accanto al bianco cagnolino, c’è il “papà”, il signor “Maeda”, un uomo buono e gentile, un capofamiglia attento e disponibile, che è però allo stesso tempo triste e solo. E’ una persona generosa, e pronta a tutto per le persone a cui tiene, e lo dimostra più di una volta durante la storia. Condivide con il suo cane un’aspetto davvero importante: la fiducia/la fedeltà. Entrambi provano rispetto l’un l’altro, sono sopraffatti dalla reciproca fiducia, che li rende un’accoppiata davvero inimitabile.
Ad un certo punto della storia (non posso dirvi molto per evitare spoiler), l’autore cambia registro (in un certo senso), mostrandoci una seconda storia, in un certo senso diversa da quella iniziale, ma allo stesso tempo così simile. Lo stile narrativo viene ribaltato, e spetta quindi ad un uomo rivestire il ruolo che fino a qualche pagina prima era stato affidato al buon Happy. Questo permette all’autore di creare una storia completa, fondata su voci diverse. Una storia (mi ripeto) fatta di alta fedeltà, e di amore indissolubile, che si conclude con una frase che ho adorato terribilmente.


Il volume nella versione normale sarà in anteprima a Lucca Comics (e disponibile in libreria e fumetteria da metà novembre).

Per oggi è tutto, spero che questa recensione vi sia piaciuta, e che questo manga vi piacerà tanto quanto è piaciuto a me. Come sempre aspetto vostri commenti e vostre considerazioni! Nel frattempo…See you soon! -Lewis

Annunci

4 pensieri su “A Tutto Manga: Amici fedeli {Il cane che guarda le stelle}

  1. Non so perché ma questo è uno dei pochi manga di cui non voglio la variant.. Ma che voglio assolutamente in libreria! Vediamo se riesco a prenderlo a Lucca…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...