Toons in the Box: Dolcevolezza senza fine

Buon venerdì miei Everpoppini belli! Toons in the Box non poteva certo mancare in questa settimana della dolcezza, siete pronti a catapultarvi nel passato con tre dolci Cartoons?

Quest’oggi partiamo con il più famoso, il Toon per il quale non potrete dire “MAI VISTO”. In alto le ali, si vola di fiore in fiore con:

L’APE MAIA

ape

Premetto che questo cartone dovrebbe stare in Anime in the Chest, poiché è una co produzione giappo-austro-tedesca (un minsestrun insomma!). E’ il CARTONE PER BAMBINI per eccellenza (insieme ad Heidi), il cartone che ha tirato su (e ancora lo fa) generazioni su generazioni. L’anime/toon tratto dall’omonimo romanzo di Waldemar Bonsels, venne prodotto nel lontano 1975 dalla Nippon Animation, in collaborazione con l’Apollo Film, e venne trasmesso quello stesso anno su TV Asahi. In Italia invece giunse solo nel 1980, quando venne trasmesso per la prima volta su Rai 2, riscuotendo un successo UNICO. Passò poi su Canale 5, JTV, Italia 1, riuscendo sempre ad avere un boom d’ascolti. I 52 episodi della serie narrano le avventure della piccola apetta Maia, che curiosa com’è si allontana dal suo alveare ed inizia ad esplorare il mondo, insieme al fidato amico Willi il fuco. Durante tutto il loro viaggio i due amici faranno la conoscenza di tanti nuovi insetti, tra cui Flip e Alessandro. Nel 2009 lo Studio 100 Animation e la Planet Junior hanno riprodotto la serie in computer grafica. La serie andò in onda a partire dal 2012, per festeggiare i 100 anni del romanzo. In Italia venne trasmessa lo stesso anno, con il titolo L’Ape Maia in 3D.

Il secondo Toons è carino, dolce….e coccoloso:

GLI ORSETTI DEL CUORE

ù

Gli orsetti del cuore nascono nel 1981, grazie alla American Greetings, e a Elena Kucharik, che iniziò a disegnarli per una serie di biglietti augurali. In seguito al successo riscosso da queste cartoline, vennero ben presto sviluppati diversi prodotti riguardanti gli orsetti (tra i più famosi gli orsetti di peluche). La serie televisiva nacque poi nel 1985, prodotta dalla Nelvana, che ne produsse anche tre film (Gli Orsetti del cuore – Il Film; Gli orsetti del cuore 2 – Nuova generazione; Gli Orsetti del Cuore 3 – Nel paese delle meraviglie). Giunsero in Italia alla fine degli anni 80, con i loro 99 tenerissimi episodi. La serie ruota attorno ad un gruppo di orsetti che vive nel regno di Tantamore, e che ogni giorno vive fantastiche avventure volte alla salvaguardia del mondo. Tra i vari Orsetti ne ricordo tre: Tenerorso, Cuordileone, Amororsa. Ogni Orsetto ha un colore ed un simbolo differente, che li contraddistingue e ne spiega la personalità. Non tutti sanno che esiste anche una serie di personaggi correlata, chiamata “I cugini degli orsetti del cuore”, che ritraeva diversi animali della foresta. Gli Orsetti del cuore vantano persino di Videogames a loro dedicati, e una serie di libri. Nel 2002 sono stati nuovamente rilanciati con una serie tutta nuova di pupazzi, prodotti dalla Play-Along Toys. Vennero inoltre prodotti due nuovi film, ed una serie tutta nuova del 2007. Il trademark ed i copyrights degli Orsetti del cuore appartengono ancora alla American Greetings.

Il terzo ed ultimo Toons non poteva che essere lui, l’amante del miele per eccellenza:

LE  NUOVE AVVENTURE DI WINNIE THE POOH

New_Adventures_of_Winnie_the_Pooh_Games_Wallpaper-Rabbit

OH RABBIA! Pronti a fare un salto nel Bosco dei Cento Acri dove ci aspettano Winnie, Pimpi, Tappo, Tigro e tutti gli altri amici animali (Ro è uno dei miei personaggi animali Disney preferiti). La serie prende spunto dalla primissima pellicola dell’orsetto Pooh, che traeva ispirazione dal romanzo di A.A. Milne e E.H. Shepard. La prima delle tante serie dedicate agli amici del Bosco, che ne segue appunto le avventure quotidiane, venne prodotta dagli studi coreani della Walt Disney Television nel 1988. Gli 83 episodi dell’orsetto giallo vennero poi trasmessi anche in Italia, nel lontano 1989, anno di nascita del qui presente padrone di casa, andando in onda prima sulle reti Rai, e successivamente su quelle satellitari della Disney. A mio parere la qualità dei disegni è nettamente inferiore a quella del primo film “Le avventure di Winnie the Pooh”. ♫♪Su divertiamoci, senza mai smettere, questa è la vita per noi! Se a casa non c’è chi si cura di te, è meglio contare su amici così….OHHHH Winnie l’amico Winnie♪♫…STOP son partito senza pensarci.


Il dolce tour degli anni 80 è giunto al termine amici cari! Spero che tornerete anche la prossima settimana, perché Toons in the box sarà più Fantasy che mai! Ed ora…See you soon! -Lewis

Advertisements

16 pensieri su “Toons in the Box: Dolcevolezza senza fine

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...