Anime in the Chest: Cuori Sbrodolosi

Buon mercoledì bella gente di Everpop! Oggi è il momento di parlare di vecchi cartoni, è il momento di fare un tuffo nostalgico nel passato. E stavolta lo facciamo in compagnia di tre anime romantici e sbrodolosi.

LOVE HINA {Rabu Hina}

love-hina

L’anime di Love Hina, nasce in seguito al successo del manga, del 1998, di Ken Akamatsu (da noi pubblicato prima per Play Press, poi per Planet Manga), e si compone di 25 episodi, e 3 OAV. L’anime venne prodotto dallo studio Xebec, e andò in onda per la prima volta, in Giappone, nell’aprile del 2000. Qui in Italia il manga riscosse un discreto successo, però visto lo stile e lo svolgimento della trama, e delle pazze pazze idee del maestro Akamatsu, non venne mai trasmesso su alcuna emittente italiana principale. Vennero però commercializzati i DVD, distribuiti dalla Mondo Home Entertainment, e successivamente le reti minori, quelle locali (che noi chiamiamo….streveze) ne trasmisero gli episodi. L’ex canale SitcomUNO lo trasmise intorno al 2007, riuscendo persino a mandare in onda la replica. La storia ruota attorno a Keitaro Urashima, e alle rocambolesche avventure che egli vive da quando si trova a vivere nel dormitorio femminile Hinata Inn.

CURIOSANDO NEI CORTILI DEL CUORE {Gokinjo Monogatari}

Cortili-del-cuore

I Cortili del cuore è l’anime che solitamente fa coppia con Piccoli problemi di cuore, poiché entrambi venivano trasmessi in Italia durante lo stesso periodo, e nello stesso contenitore pomeridiano. L’anime è tratto dal manga famoso a livello mondiale, di Ai Yazawa, in patria pubblicato dalla Shueisha (in Ribon), mentre in Italia per Planet Manga. La serie animata venne prodotta dallo studio Toei Animation, e andò in onda dal 1995, con i suoi 50 episodi, trasmessi poi in Italia dal 1998, su Italia 1 (con il titolo Curiosando nei cortile del cuore). Pur riscuotendo un successo stratosferico, qui da noi la serie non venne dalla Mediaset, e spettò quindi a SKY ritrasmetterla, su Italian Teen Television. La serie segue le vicende della frizzantissima Melissa (Mikako in originale), una ragazza di 16 anni, studentessa di Arte all’istituto Yazawa, con il sogno di entrare nel campo della moda. Da sempre amica di TJ (Tsutomu), le cose si complicano quando scocca la scintilla tra i due, e diversi amici (vecchi e nuovi) si mettono in mezzo.

KISS ME LICIA {Ai shite Naito}

kiss-me-licia

Concludiamo con uno dei Cartoni animati più amati di sempre! Tratto dal manga “Love me Knight” di Kaoru Tada, pubblicato nel 82 dalla Shueisha, l’anime non tardò molto ad arrivare. Qui in Italia fu un tantino differente la cosa,poiché il manga venne pubblicato dalla Star Comics solo nel 2002. L’anime venne prodotto dalla Toei Animation, e trasmesso in Giappone dal 1983. Arrivò poi in Italia nel 1985 con i suoi 42 episodi, su Italia 1, con il titolo (ormai conosciutissimo) Kiss Me Licia. La serie animata qui da noi riuscì a riscuotere un successo stratosferico, grazie anche alla sigla della D’Avena, riuscendo a portarsi a casa svariati gadget, VHS, DVD, giochi, e persino una serie tv, con la Cristina nel ruolo di Licia. La trama la conoscete no? C’è Licia, che incontra Andrea e Giulino in un giorno di pioggia, costretta a rifugiarsi con il bambino ed il suo gatto, a fine pioggia Licia incontra Mirko, fratello maggiore di Andrea…e PUFF è subito amore! La loro tormentata storia d’amore si destreggia tra concerti, incomprensioni, ed uno svariato cast di personaggi, sempre pronti a mettere i bastoni tra le ruote. Il primo? Ma ovviamente mister Marrabbio, papà di Licia. Diverse sono le differenze tra anime e manga, e prima fra tutti il finale. Infatti nel manga Go e Yakko si sposano, mentre nella serie tv il matrimonio di Licia e Mirko non si vede. Altra differenza riguarda la famiglia di Andrea. Nel fumetto il bambino è frutto di una relazione extraconiugale del papà di Mirko, mentre nell’anime i genitori di Mirko sono morti (nel manga la mamma no), e la mamma di Andrea appare un bel giorno per riprenderselo (alla fine però lo lascia con Mirko perché scopre il legame tra i due). Stavolta non mi vengono in mente censure!


Stavolta un 2su3 è d’obbligo, e il primo che mi dice “Non ho mai visto Kiss Me Licia” si fa una bella dormita sui ceci ardenti! Tutto chiaro?

See you soon! -Lewis

 

 

Annunci

16 pensieri su “Anime in the Chest: Cuori Sbrodolosi

  1. Kiss me licia è l’unico che ho visto… Andavo alle medie, avevo 11 anni ed avevo pure le MC con le canzoni dei Bee Hive (nn ricordo nemmeno se si scrive così!)

    Mi piace

  2. Qua è complicata. Conosco Love Hina e ne lessi parte del manga, ma non mi prese. Cortili del cuore lo adoravo ma ho ricordi spiaditissimi, Kiss me Licia lo ricordo chiaramente invece.
    È un 3/3? Un 2.5/3?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...